Emma Watson: da Hermione a Meg March in "Piccole Donne"


La storica interprete di Hermione Granger – nella saga di Harry Potter – sostituirà Emma Stone per il ruolo di Meg March nel progetto di Greta Gerwig “Piccole donne”.

Emma Watson o Emma Stone

Da un’opera letteraria all’altra, Emma Watson, la nostra strega “secchiona” preferita in Harry Potter, sembra aver usato ancora una volta una specie di magico Passaporta – proprio per metterla in termini “potteriani”.

La ritroveremo infatti protagonista di una delle tante trasposizioni cinematografiche del celebre romanzo Piccole donne, di Louisa Mary Alcott, nel ruolo di Margareth “Meg", la maggiore delle quattro figlie di famiglia March.

Precisamente siamo al sesto riadattamento, se non contiamo la miniserie tv del 2017, andata in onda sul canale BBC One, e le due serie anime giapponesi della fine degli anni ’80.

U'attrice poliedrica sin dal primo ruolo

Emma Watson nasce il 15 aprile dell’anno 1990 a Parigi, figlia di Jacqueline Luesby e Chris Watson, avvocato.In seguito al divorzio dei genitori, i figli si stabilirono con la madre nell'Oxfordshire, trascorrendo però alcune settimane presso la casa del padre a Londra.

Ha frequentato i primi due anni all'Università Brown di Rhode Island studiando Storia, per poi spostarsi all'Università di Oxford, presso il Worcester College.

Per l'ultimo anno di studi ritorna all'Università Brown, per poi laurearsi, il 25 maggio 2014, in letteratura inglese.

Si interessa alla recitazione durante gli anni scolastici a Oxford, dove partecipa a molte recite drammatiche, raggiungendo però la fama mondiale già dopo aver interpretato il personaggio di Hermione Granger, nella saga cinematografica di Harry Potter, dal 2001 al 2011.

In un'intervista concessa al Times Magazine spiega:

«Con Columbus c'era il lato molto comico: Hermione era saccente e arrogante, una piccola Signora. Dopo Alfonso ha portato fuori l'elemento girl-power in lei, e la cosa mi si addiceva perché stavo diventando adolescente. Dopo Mike Newell ha tirato fuori la sua parte sensibile, da ragazzina vulnerabile e insicura.»

Nel 2007 prende parte ad un altro film intitolato Ballet Shoes nei panni di Pauline, un'aspirante attrice e ballerina. In questo modo Emma poté approfittare di un periodo di pausa dal personaggio di Hermione.Continua poi a recitare negli ultimi capitoli della saga, acquisendo un successo mediatico al crescere della popolarità della serie e vari riconoscimenti internazionali.

Infatti per il ruolo di Sam in Noi siamo infinito, film del 2012 nel quale affianca Ezra Miller e Logan Lerman, ottiene ben due premi come “migliore attrice”, assieme all'MTV Trailblazer Award, assegnato a "un attore di giovane età che è riuscito a ispirare gli altri con un portafoglio diversificato di lavoro e una reputazione trascendente agli occhi del pubblico"...

Emma Watson

-Ammappete che nome lungo 'sta nomination, sarà entrato tutto nella targa?-

Nel 2014 riceve il premio BAFTA Britannia Award come migliore artista inglese dell'anno.In seguito partecipa alle riprese del film di Sofia Coppola Bling Ring, e interpreta Ila nel kolossal biblico Noah accanto a Russell Crowe.Inoltre prende parte al thriller Regression, diretto dal regista premio Oscar Alejandro Amenábar.